La #tv cannibale e le “prove attitudinali” degli scrittori prossimi venturi