ICO NO CLAST

ICO NO CLAST

Lasci ai suoi sogni le bestemmie che urgono per vivere,
o a un’altra vita, forse

di

Giampaolo Spinato

***

Qui giù si va a parlar di Dio, di madre, padre, e altri strumenti di coercizione e di potere a cui si dà quel nome; qui li si infanga, li si insulta senza remore, se serve anche gratuitamente; avere a cuore, sopra ogni altra cosa, gusti e buoni sentimenti equivale a non entrare; lasci ai suoi sogni le bestemmie che urgono per vivere, o a un’altra vita, forse, ma ognuno scelga il quando e il come.

***

PERSONE

Che si crede, o è creduto, LA STar, la Rockstar, anzi l’Anti-Popstar (1);
Che si crede, o è creduta, LA Donna ovvero, di volta in volta, la sua fidanzata, il suo angelo amico, l’immacolata, la sua nauseabonda, angelica troia e persino la madre, a seconda dei punti di vista (2);
Che si crede, o è creduto, LA voce dell’uoMo, del maschio, l’amico, l'”autore”, il suo partner-promoter-impresario, il custode, o il compagno bastardo, secondo il momento, e persino suo padre, cioè uno ignaro di tutto, che se ancora esistesse (o nel caso fosse esistito davvero), sarebbe comunque e soltanto uno sconosciuto (3).

(1) CLAST
(2) CLAD
(3) CLAM

N.B.: in assenza di riferimenti precisi, frasi e parole precedute da trattini (-) vanno intese come incursioni di Voci; altri indicatori, come pause o silenzi, si intendono impliciti nel fluire di vuoti e di pieni fra lettere numeri e frasi.

***

Prologo

– The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later…

CLAST – Visto che scrivo… e che desidero, che aspiro, che respiro, che ho paura, cago piango chiavo godo e rido, visto che, in una parola, come tutti, vivo, senza rendermene conto, nella speranza di riuscire un giorno a smettere di farlo, perché… per una volta non proviamo a non prenderci davvero per il culo…

1.
(Ehi, sono appena nato e ho già un destino!)

CLAD – Ehi, ma…

CLAD – Dove vai, vieni qua, ragazzino!

CLAD – Cristo dio, dio buonino, ma ti ho appena scagato, dove stai andando?

CLAST – Tu chi sei?
CLAD – Come chi sono? – Tua madre.
CLAST – E perché stai così?
CLAD – …?!
CLAST – Eh, perché, eh, perché, eh, perché? – Dai, diobono, buonino, rispondi, diocaro…

CLAD – Mi fai paura, oh, lo sai, ragazzino …

CLAD – Oh, ma cosa…?! Scendi subito! Uè, via di qua, giù le mani, stronzetto!
CLAST – Ah-ah…
CLAD – Scendi ho detto!
CLAST – Ah-ah-ah…!
CLAD – Oh, diobuono… Obbedisci a tua madre, pirlone!
CLAST – Ah-ah-ah… mamma, mother, mammina, mum, mummy, dai, muoviti, corri…
CLAD – Ma non dire stronzate, ragazzo, non vedi, non posso…
CLAST – Eh, lo vedo, sei rigida dura, sembri quasi una statua, mammina…
CLAD – Sono un calco, una forma-figura assillante della tua testolina …
CLAST – Mmm… una statua che fuma?
CLAD – Oh, ma a te che ti frega? Vorrai mica farmi la predica? Oh, stai schiscio, ragazzo, stai buono, se no ti spetascio… Cosa c’è, cosa pensi? – Dai, passami il coso… Ecco, sì, l’accendino…
CLAST – …
CLAD – Non di qui, per di lì, dammi il fuoco…
CLAST – …
CLAD – Cazzo, qui ho detto, ragazzo, non sotto, mi brucio!
CLAST – …

CLAST – E, senti un po’, dov’è che mi hai preso?
CLAD – Minchia, oh, ma, lo sai, m’hai spiazzato…
CLAST – Perché, cos’ho fatto?
CLAD – No, dico, una volta i neonati venivano fuori tutti belli scagati, sai, nudi, un po’ sporchi, bei sozzi, con il sangue, il cordone, sì, insomma, ‘ste robe, con tutti i parenti lì a dire: carino, carino, ma ‘stè dìs, cosa dici?, uèlla, oh, Carugatti, ma che minchia stai a diciri, te lo chiedo in tutte le salse e le lingue, sprechen zi doic’?, you speak english? – neh, ‘azzo, hai mai visto un neonato?!, quale tenero bello, signori… ma che tutto sua madre o suo padre… seee, suo fratello… lo vogliamo qui dire una volta per tutte, eccheccazzo: è uno schifo, una specie di mostro…
CLAST – Ah-ah-ah…
CLAD – Tu invece, dio bono… non sei manco pelato – sì, ma, dai, ma che schifo, ma da dove ti viene quel fiato… hai bevuto?
CLAST – Ahahaha… Capitto… Bevuto…
CLAD – Dimmi un po’, ragazzino, ma chi ti ha insegnato… insomma, cioè, a dire le cose… com’è che da quella boccuccia di culo ti escono già fin da subito, adesso, sì, insomma, hai capito…
CLAST – Capito che cosa? Io, capito? No, no capito. Capittto non ho mica io.
CLAD – Oh, non fare lo scemo.
CLAST – Davvero, capittto non ho mica un ‘azzo.
CLAD – Dio bono che stronzo che ho messo al mondo.
CLAST – Dio buono o cattivo, capito?
CLAD – Dio…?
CLAST – Eh, dico dio dico io, cos’è, buono o cattivo?
CLAD – Uhm, dici dio?
CLAST – Eh… dico il porco, eccheccazzo!
CLAD – Sssttt… porchiddio, ma sei scemo…
CLAST – …
CLAD – Ma sei proprio cretino, ma lo sai quanti studi, lo sai tu che dolori, quanti giorni di fame e di sete, e le persecuzioni, sai tu quanto soffrire uno deve prima di avere il diritto di rivolgersi a lui, il tuo dio padre, con quel porco cognome, senza che questo per lui voglia dire niente di male, sapendo che se ti rivolgi alla sua signoria con cotanto irriguardo non vuol mica dire che lo nomini invano, ma che anzi gli sei più vicino…
CLAST – …
CLAD – Lo sai o no come funzia la cosa, uè, ragazzino?
CLAST – Come funzia, sentiamo…
CLAD – Che per primo tu, dall’inizio, t’inginocchi, lo preghi, scagazzi ma invero con grazia, con curialissima cura… Poi ti invaghi invaghisci dei suoi santi arcangeli…
CLAST – M’invago degli arca che cosa?
CLAD – Degli angeli arcangeli, scemo, guardati intorno, lumina luma ‘sto cielo, quel nero… le facce d’intorno… vedrai quanti arcangeli santi ci sono…
CLAST – Minchia, mà, e quanti sono?
CLAD – Epperciò te lo insegno: prima preghi, dio buono, buonino, ti prostri, anzi guarda, magari, fai pure una prova di persecuzione, in galera!, in galera!, ti gridano dietro quei comunisti di merda, poi rovesci il governo – io ti parlo di un pattern-copione già ben collaudato, a quei tempi però, dama trà, apri l’occhio, sai, c’era il Muro, così funzionava la cosa da subito dopo la guerra, su su fino agli anni Sessanta e Settanta e fin dentro gli Ottanta, era chiaro dov’era il nemico, era dietro l’intonaco marcio, sai, il mattone sbregato, la cinta, la calcina scagliola di finissima, santa, nazionale alleanza, la graffiavi grattavi con le unghie e coi denti, ti passavan davanti e di dietro tutti i totalitarismi a quei tempi… Ma tu adesso, indi, infine, ohi, attenzione, a furia di fare il bastian contrari, sì, in somma, l’afflitto, il beato, sai, il martire, ti senti chiamare… La senti? – Ascoltala bene… non senti una voce? – Su di qui, no di là, di quassù, uè, ciuciù, dai, pirlone!
CLAST – …?

CLAST – Sento un cazzo.
CLAD – Un ragazzo devoto, deus gratia, dio buono…
CLAST – Oh, non sento!
CLAD – ‘Scolta bene, dai, drizza le recchie… che se viene la voce, ti segni… Nel nome del padre del figlio e, dio buono, buonino, anche in quello, sai chi intendo, lo spirito santo, the pigeon, la tortorina colomba, il piccione, sai, che svolazza… Ma magari, eh, magaaari… – Oh, signore, ti prego, mi prostro, t’invoco, t’adoro, facessi che il mio qui presente, assillante, sbronzissimo figlio… eh, sì, insomma, il mio bel ciulandrone venisse chiamato…
CLAST – Mummy mum, con chi parli?
CLAD – Che ne diresti di farti presbitero, figlio?
CLAST – Presbi cosa?! – Mummy mum, che cos’hai sulla lingua?
CLAD – Una pianta pelosa, va’, va’, gnnn… va su e giù rigogliosa…
CLAST – Minchia, vedo, una lingua pelosa, ma chi è che ti passa la droga?
CLAD – … Bello, bello il mio cocco cagone, presbitero santo…
CLAST – Chi è il tuo pusher, oh, dimmi il nome …
CLAD – Il mio bel Giovannino, mio don Bosco, mio Karol, il mio padre Pio…
CLAST – Uè, uè, apri l’uocchie, mammà, sciamoninne, zazà…
CLAD – Il mio presbiterino…
CLAST – Aridaje, e che d’è, n’animale, ‘na iena col probbosciddone?

CLAD – Farti prete, figliolo… non c’hai mai pensato?
CLAST – Sono appena scagato, tu stessa l’hai detto.
CLAD – Ecco il punto, il destino ti è stato dapprima assegnato, figliolo.
CLAST – Mischia e minchia, eccheccazzo me ne fottia a mia del destino?
CLAD – Ti fai prete, o anche frate, diacono, accolito, monaco, ti fai formigone, o anche bindi budino, ti fai vergine laico o anche oblato, fai pure la minchia che meglio t’aggrada, quel che conta è che dopo…

CLAST – E’ che dopo…?

CLAD – Dopo, presto, al più presto, tu ancora bellissimo, giovane, glabro, senza un pelo peletto, tu incedi solenne verso il trono di Pietro…
CLAST – Osti, aviviri mica di megghiu da prefigurari?
CLAD – Cazzo dici, non fare il cretino, ma se t’ho incardinato, t’ho fatto, rifatto e salvato, minchione, t’ho prefigurato in un batter di ciglia, in un unico e solo sfiatare di fumo, un destino cardinalizio…
CLAST – Sì, ma cazzo, dai, mamma, ma… Papa?
CLAD – Eh, Papa, sì… Papa, lupetto, un Papetto…
CLAST – Ma che cazzo…
CLAD – Oh, ragazzo, ma sei hai rotto i ciglioni, i coglioni, tutto il tempo che ti ho gestazzato: voglio fare la star!, la popstaaar!, mi gridavi, svusavi alluccavi accà dinto sta panza, o mi sbaglio?
CLAST – Minchia, Papa… Ma, mà, non si scopa!
CLAD – Eh… Eh…Eh…
CLAST – E poi lui cosa suona?
CLAD – Uuuh: la tiara, il bastone, il pluviale…
CLAST – Eh, cosa cosa?!
CLAD – L’aspergis, il turibolo, l’ostia, la stola, il messale, il bernini, l’altare, e non solo, l’halzaimer… e un sacco di altre intriganti zampogne. Non ti appotrai lamentare, hiii, che orchestra che tene…
CLAST – Sì, ma poi tutto questo per cosa?
CLAD – Per l’alfa e l’omega, per parlare a tu per tu con dio padre, col suo porco cognome, per avere per sempre un filo diretto con il creatore, di ‘sti tempi non fa tanto male vedere più in là del tuo corto nasino.
CLAST – Ora, corto… mammina, questo, sai, lo vedremo…
CLAD – Dunque, adunque, well, bitte, ti piace il mio piano?
CLAST – Dunque, adunque, well, bitte, ci devo pensare…
CLAD – E tu, bravo, pensaci bene…

2.
(Non mi puoi recitare)

CLAST – Eeeehi… ieri mi hai dato della merda… Eh… ma quella era merda, non c’era niente di buono, solo merda mi hai dato, e la pago io la tua merda, capisci?! Sì che c’entri, tu c’entri, io la pago, fanculo, la merda che tu e i tuoi amici mi sbolognate ogni giorno! Fanculo, dio cristo! Sì che c’entri, da te l’ho comprata, è da te che io sono venuto, è con te che ho parlato. Mi conosci? – No, un momento, rispondi! Mi conosci o non mi conosci? Hai capito chi sono, eh, pezzo di stronzo… Tu c’entri, eccome se c’entri e non farmi ‘sta faccia di cazzo. Tu non sai cosa ho dentro, qui, dentro, cosa sai tu di quello che sogno, niente sai, non puoi metterti tu al mio posto, non puoi renderti conto… Cosa vuoi dire, eh, cosa vuoi interpretare, capire? I miei panni, i miei panni… Cosa ne sai dei miei panni? Non sai niente, cos’è che vuoi fare?, capire parlare, cosa vuoi analizzare, tu chi sei per sapere, per dire, non mi puoi interpretare, non puoi mettermi in bocca le tue cazzo di idee, quali idee, le parole, ma quali parole?, quelle che ormai non sai più immaginare… cosa vuoi farmi dire?, rispondi, non mi puoi interpretare, non mi puoi recitare. Non lo puoi fare, non mi puoi recitare, non mi puoi recitare, non mi puoi recitareee!

Come on, come on, come on, come on, come on com / Come on, come on, come on, come on, come on com / Come on, come on, come on, come on, come on com / Come on, come on, come on, come on, come on com / Come on, come on, come on, come on, come on com!

3.
(Back from the Hell)

CLAM – Hi, Clast, ehi, wassup, how are you, come va, tutto bene, mmm, cazzo, sei in forma, don’t you ah, sei uno schianto, non me l’aspettavo ovatteps’ovatteps’ovatteps

No, davvero, dai, fatti vedere eredev eredev eredev

Ah, oh, sorry, a short message, just a moment, un momento… otnemom otnemom otnemom

– The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later…

CLAM – Mmm, sssh, aaah, very nice, very nice, let me see… what a slut, what a messy bukkake, everywhere fucking hard…

Sorry, Clast, dicevamo… ma lo sai che sei fico, bello, ah, cogli strass, tutto bianco, arcangelico angel… Mm?, dov’era che avevi anche lì quel vestito? otistev otistev otistev

Dov’era che non mi ricordo odrocir odrocir odrocir

A Parigi, sì, ecco, Parigi igirap igirap igirap… cazzo, sorry, a short message di nuovo, una mail, daily post, let me see isss isss isss isss isss

– Die gewünschte Person ist im Moment nicht erreichbar. Wir bitten sie später anzurufen… / Die gewünschte Person ist im Moment nicht erreichbar. Wir bitten sie später anzurufen… / Die gewünschte Person ist im Moment nicht erreichbar. Wir bitten sie später anzurufen…

CLAM – Slut and gorgeous, blowjob, read-head giving head… very nice, very nice… sianirev sianirev sianirev sianirev

Oh, ma, Clast, cosa fai lì seduto? Ti sei già presentato ota ota ota ota ota…?

Ok, ok, sei perfetto, hai ragione, va bene, niente da dire… ‘azz, vaffanculo, ‘sto telefonino…

– Le numéro appelé pourrait être éteinde. Retenter s’il vous plait… / Le numéro appelé pourrait être éteinde. Retenter s’il vous plait… / Le numéro appelé pourrait être éteinde. Retenter s’il vous plait…

CLAM – Mmm, dog and horses, non male, she likes muffing and sucking, oh-oh, blondie squirting gnitriùqs gnitriùqs gnitriùqs

Ehi, ragazzo, su, vita, comincia la sfida, il mondo ti guarda…

Non vedi le folle, i teenagers t’aspettano, sono qui per vederti…
Dicci un po’, a cosa pensi?

Ehi, ma… dico, mi senti? Cosa pensi, hai pensato, in tutto ‘sto tempo, eh, ragazzo… Fa’ vedere, ma lo sai che ti sei mantenuto, oh, non scherzo, davvero… A Parigi, a Parigi, diocaro, bei tempi davvero orevvad orevvad orevvad… Ma cos’è, ancora il cell, oh my God, oh my leg, oh my God, oh my leg…

Vaffanculo, lo spengo…

Ehi, ragazzo, ma cosa ti prende, non mi dici più niente? Loro-lui chi sarebbero e sono ? Siete insieme, ah, dove andate, cosa fate, da dove venite? Oh my dog, oh my leg, oh my God, oh my leg, sai una cosa… non ti riconosco, a Parigi, ricordi, a Parigi, Parigi igirap igirap igirap

Ah-ah-ah… Ti ricordi quel viaggio?

Era senza ritorno onrotir onrotir onrotir onrotir

4.
(Guardami)

CLAST – Ehi…

Guardami, guardami, sì…

Sono qui, non mi vedi, dai, girati, guardami, sì…

Ti ricordi che cosa dicevo?

Che un bel giorno sarei ritornato, ero giovane, ero, infoiato, non so cosa ingoiavo, godevo, piangevo… ti ricordi che cosa dicevo, dai, pensaci, sì…

Tornerò da dove son stato, sì… tornerò dopo avere capito, sì…

Tu chi eri, che cosa volevi, premevi, assillavi, sì…

Eravate due entrate, due uscite, sì, eravate due succhi, le tette, i miei seni da bere, eravate quel grumo di insidie, di ordine amore dolore, eravate il coraggio e l’oltraggio, eravate coloro che senza conoscermi, sì, credevano loro di avermi voluto, credevano loro di avermi anche amato, e io invece dov’ero chi ero, ero solo nel vostro pensiero… ero il danno che senza saperlo avevate evitato, ero il vostro riscatto, ero il corpo di cristo, l’agnello, e la musica, musica vostra, la pena… il risucchio di un senza futuro, sì, della vasta èra buia, sì, era un gorgo, era solo una gabbia…

una vita per dirlo… una vita da solo… una vita non mia, non più vostra… non sapevo dov’era… non sapevo e nemmeno più ci provavo…

… lo sapevi, tu, lo sentivi, sapevi, sentivi, tu, sì?

– The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later…

5.
(Hi, mum, see you later)

CLAD – Dove vai, vieni qua, torna indietro…

CLAD – Vieni qua, torna indietro, stronzetto!

CLAD – Non muoverti, fermo…

CLAST – Cos’è questo?
CLAD – Il tuo succo, il mio seno, ragazzo, ti nutre, non puoi farne a meno…
CLAST – Ma mi passa da qui?
CLAD – Yes, dall’ago, dal tubo, ciccino…
CLAST – Non lo voglio…
CLAD – E’ normale, ragazzo, conosco l’inguacchio, ogni figlio, ogni singolo uno che sbuca da qui, dalla vendra, dalla cascia di berra che, pensa, in solo secondo di culmine eiaculo, un novilunio di coito sudato, nel tremuoto intestino, nel rigurgito inviscero in cui è concepito, ciascuno… ogni uno… avevavrebbe voluto lasciare per sempre, scappare, nemmeno sapere lo sganghero equoreo, lo spruzzo, il gemito ingenuo, l’urletto che l’ha, mmm, generato…

CLAD – Tu sei un bravo ragazzo… – Lascia stare, stai fermo… – tu sei buono, lo sei sempre stato, sempre detto, io, fin da quando t’ho visto, bel tonto, ben lì scagazzato… – Uè!, giù le mani!, no, non toccarlo! – dicevo… Io lo so, io pur sempre tua madre io sono. Tu non sei, tu non eri venuto per rompere il cazzo a tua madre, la santa, la tua Immacolata boccuccia di rosa, ah-ah, la tua mamma balena, eroina, mmm-mmm, eroina, la tua anima vera, di angelica, sola, accogliente sostanza… Tu lo sai, tu lo vedi quanto ha sofferto la povera donna, i suoi sacrifici, la pena. Uè, bambozzo, stronzetto scagato, marzapane prezioso… Io, tua madre, eccheccazzo, nel dolore ti ho partorito… – ‘Sto bastardo… giù le mani, t’ho detto! – Fin dall’inizio, hai capito, fin da quando ero giovane e bella… prima ancora che tu mi intruppassi i tuoi visceri niuri, quei tuoi acini mini, i tuoi occhietti, i tuoi coglioncini, prima ancora che me li saldassi coi moschettoni di dentro, in sulle pareti dell’utero santo… ‘nsomma, bello, prima ancora che tu, prepotente e, per natura a te ignota, stronzetto bastardo, mi facessi così diventare figura assillante assillosa, fin da quando, col solo pensiero, tua madre, te lo sussurro per non darti pena, tua madre, la splendida troia, la vacca – così non puoi dire che manco di autoironia, noi tutti, santi arcangeli et varia si gode quando va bene, deo gratias, la sera – fin da allora, hai capito, il pensiero pensato di un bel cincishietto – come dire, un grumetto, pulsante cagotto pelato, un figlino figlietto – giù le mani, eccheccazzo! – io l’ho sempre saputo… Il mio bambolo, cinno, mateto, il mio pargolo alieno, burdelin burdeletto, scugnizzo e picciotto, ciù-ciù, bambozzetto, stronzetto, da stringere in seno, insomma, il mio bel ragazzetto, lui non erasarebbe mai stato un stronzo…
CLAST – …

CLAD – O mi sbaglio?
CLAST – …
CLAD – No, dico, uno tipo… parliamoci chiaro, hai presente, mmm, l’altro polo?
CLAST – …
CLAD – …
CLAST – Cos’è, un rebus?
CLAD – L’altro polo del duo che poi si fa trio… dico tuo padre, cretino.
CLAST – Ma veramente… non l’ho conosciuto.
CLAD – Ecco, meglio… risparmialo, caro, dio buono e buonino, ti prego, lui non deve mai essere, lui, te, tu, come loro, il mio beddo, beddissimo, mascuolo, bello peloso, cioè… ‘mbè, prima glabro, poi irsuto, il mio orsetto, tu non devi mai essere, maaai, come quelli, i puttani chiavosi, inchiavati del polo… mmm, che sesso, in che acque mi mandano al solo pensiero, quei cornutoni, gli irsuti, maschiacci, ‘mbriaconi, puzzoni, wewewe, l’omo è omo e ha da puzzà, e, io non so, ma, eccheccazzo, ci godo… Ma tu pargolo alieno di cui questa vendra va fiera, nel destino futuro che ti ho immantinente deciso, io non voglio vedere, non vedo, mascuoli e femmene, io non voglio vedere lo schizzo, il disegno ancestrale, tu non essere mai come lui, voglio dire, capisci a me, quello sputo bavoso, tuo padre, l’ignaro, l’illuso, il porcello, quel verro era solo…

CLAST – Mmm, mummy mum, a me mi pare d’averlo sentito di già a qualche parte ‘sto disco… che è, s’è incantato?
CLAD – …
CLAST – Che era, dai, mum, finisci il discorso…
CLAD – …
CLAST – Porco qui porco là, mò te svejio!
CLAD – Ahia, oh, ma sei scemo?
CLAST – Eh, ma, oh, t’eri fatta una statua così, all’improvviso…
CLAD – Eh, ma quella io sono, piezz’e francobollo!
CLAST – Mi son messo paura, dai, scusa, continua…
CLAD – Mmm…
CLAST – Dai, finisci, mammina…
CLAD – Sì, mammà, mammatà, vieni qua che t’inculo!
CLAST – Ahò, dimmi a me, ma ‘sto papa papà paparino, dove cazzo s’è gghiuto?
CLAD – Ecco, lui, proprio lui, quello stronzo!
CLAST – Dov’è, mamma, finisci il discorso!
CLAD – E’ da lui, non da me, che hai ripreso, ci scommetto l’aureola, l’areola e il capezzolo, guarda, e pure il mantello che, ohì, porco cazzo, oh, mi fa caldo, mi suda ‘sto seno, è da quello che hai preso, non da me, tu, carino… dallo stronzo, tuo padre, il patrigno, il bastardo, l’infame… ecco, adesso ho capito…
CLAST – Sì, vabbè, mapperò dov’è andato, dov’è adesso, dov’è che lo trovo?
CLAD – Affanculo, lo stronzo! Sarà in Borsa, al mercato… A chiavare le troie, a parlare ai clienti, alle folle, a dirigere un cazzo di telegiornale, a farsi votare, in un cazzo di ufficio di commercialista, penalista, non so, civilista, che ne so se è un politico, un manager, che ne so dov’è andato, dov’è il maschio, lo stronzo, a fottersi il culo in un cazzo di parlamento o di banca, puoi stare sicuro, è là che è finito…

CLAST – Dai, bacino…
CLAD – …?
CLAST – Bacino, bacino, bacino…
CLAD – Vieni qua che ti infilo per bene quel coso…
CLAST – Ma fa male?
CLAD – Ma che male, ti nutre…
CLAST – Ma davvero entra il pollo tacchino da questo buchino?

– The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later…

6.
(Look what I am!)

CLAST – …
CLAM – Ma lo sai, sei un fenomeno…
CLAST – …
CLAM – Let me see, fa’ vedere, mmm-mmm, sempre detto, un vero fenomeno…
CLAST – …
CLAM – Oh! Ma… Clast!
CLAST – …

CLAM – Ma che cosa ti han fatto ah, perché gli dai addosso?!
CLAST – …
CLAM – Ehi, ehi, ehi! Shit! Cacca, merdre! Ma, ragazzo, non mi puoi rovinare la scena, wait a moment, aspetta un momento!
CLAST – …
CLAM – E pensare… lo sai che ti dico?, well… listen, sì, è vero, tu lo sai, tu l’hai sempre saputo… Ti ricordi Parigi… igirap igirap igirap… Mm, bei tempi, davvero…
CLAST – …
CLAM – Ti ricordi quand’ero tuo amico, il tuo agente-impresario, tuo padre, ah?, ti ricordi dov’eri, chi eri, ragazzo? Ti ricordi la voce quel giorno, che ti ha chiamato otamaihc otamaihc otamaihc
CLAST – …
CLAM – Come vedi non sono svanito… Sono qui, come te, son tornato… otanrot otanrot otanrot… You’re right, hai ragione, veramente non me ne sono mai andato. Tu lo sai, tu l’hai sempre saputo, sono io, ti ho chiamato, io che dentro ci son sempre stato, sono io, sono l’alto prelato, sono l’angelo, il tuo vero amico, il lato concreto, ti ho insegnato, instradato, io ti ho detto, ti ho suggerito… Ogni giorno, anche adesso ti dico, in segreto, il tuo posto nel mondo, tu l’hai sempre saputo, sono qui che bisbiglio. Oh, my boy, oh, my Kurt, oh, my Jim, oh, my Ian, oh, my Sid…
CLAST – …
CLAM – Hai paura, are you scared?
CLAST – …
CLAM – Tu mi hai sempre odiato, ecco il punto. Tu volevi che fossi il tuo cazzo di Dedalo, Icaro, con le ali, scappare dal mio labirinto, watch out tuo tuo tuo, stai attento al calore, stai lontano, lontano dal sole… Io non riesco a capire, ti ho tirato via dalla strada, ti ho coperto di soldi, di fama, io ti ho dato un lavoro, montagne di figa… Ero il Papa, la truffa, do you, you remember, ti ricordi l’idea?, ero io che facevo fruttare la bava, il valore della stessa tua merda e che l’ho trasformata in un fiume di soldi, di lucidi assalti, di rabbia, di tuoni… Ti sussurro da sempre, mi senti?, Parigi, Los Angeles, Birmingham e, cos’era, Norvegia, ricordi? Quante storie abbiam fatto noi insieme… pensaci bene…
CLAST – …
CLAM – Sai… iasss iasss iasss iasss
CLAST – …
CLAM – … ora now, senza i Muri, io promulgo le leggi, governo gli stati… Ora now, vendo i gadget, quei sogni, le cose, gli amori… Ehi, man, ora vendo, sai, al 30, 40 per cento di cresta, di introito, io lavoro per far circolare le merci, far saltare dogane, confini, rendo liberi i soldi, detersivi, barattoli, ah, cibi per cani, solo agli uomini gli obblighi, i timbri, i permessi, le impronte dei diti ditini, dei bei ditalini, libertà per i miei dentifrici, liberissimi, loro, di varcare i confini di tutti gli Stati! Ehi, boy, mi capisci? Mi senti?! Perché non ti iscrivi?! Vieni, vieni, ragazzo, su, dillo agli amici, qui c’è posto per tutti. Come on, vieni dentro nel nostro partito, sssh ah, così ti regalo, vediamo, una tessera… un ventilatore, due tessere, mmm, il falso in bilancio rivisto e corretto? O il condono fiscale, edilizio? O se no… perché non vendiamo le arti, San Pietro, sai, il Pantheon, Palazzo Ducale, l’Ultima Cena, tutt’intera Venezia, decaduta cadente scosciata adagiata, a uno di quelli, i Mistupisci Nasaci, Nakatami, Scimiri, son pieni di soldi… No, no, ah-aaah, wait a moment, un momento… se ti iscrivi al partito, vediamo… ti regalo infiocchetto, a piacere, una partita allo stadio… No, eh, troppo poco? Evabbè, ci sveniamo, cosa vuoi che m’importi, io son generoso, ti regalo le rogatorie dall’estero?, ti risolvo in un colpo, con gli interessi, il conflitto?, anzi, guarda… facciamo così, che è anche better, più meglio, facciamo che a chi non s’iscrive gli prendo le impronte, eh?, che mente!, fuori i nomi dei giudici iscritti alle associazioni, fuori nomi e cognomi di tutti gli scioperanti! Io lavoro per dare lavoro, spalancare orizzonti, frontiere, per la grande illusione, i consumi e la crescita avvinti inculati e sposati per sempre, senza più pretendenti, più idee contrastanti… Perché noi, perché io… siamo immuni, potenti, immorali e immortali, siamo fuori, al di sotto e al di sopra di tutte le leggi…
CLAST – …
CLAM – Eh-eh-eh… Cosa cazzo credevi, eh, ragazzo?, cosa ti immaginavi, cosa rimugini, pensi? Rilassati… Io c’ero, ero io, io ci sono e sarò, io ci son sempre stato. Ero a Genova, a Seattle, ero in piazza, ero in Cina, in mimetica, in giacca e cravatta, in Afghanistan, in Irak… sotto i palchi dove tu digrignavi i tuoi denti…
CLAST – …
CLAM – Ero io che abitavo nei tuoi sogni vani, ricordi?, ero io che soffiavo via il tempo attraverso il tuo stesso respiro, io sapevo trasfondere oro, metallo prezioso, infilavo quegli aghi, le flebo nei conti correnti, ripulivo i forzieri, facevo saltare contratti, tenevo in ostaggio le banche con aliquote, numeri, titoli, azioni, gli, ah, investimenti, coi fondi, gli accumuli lerci, grondanti del sangue dei loro stessi parenti, dei figli più promettenti…
CLAST – …
CLAM – Ma cosa credevi…
CLAST – …
CLAM – Sì, ragazzo, ah, sei stupito, sono io, no, non sono cambiato, sono sempre lo stesso, sono il primo ministro, governo, sono io, sai, adesso, che comando, che tengo riunioni … Io presiedo il consiglio, non vedi? Vendo coca-cola buendy wurghy sparghy shurmy norghy, come allora, sempre dopo prima, io produco oro, soldi, ehi, vedi, io li cago, guarda, look, dai, tocca, io ti parlo, sai, fuori dai denti, tocca qui con le tue mani, senti, sentimi, quanti anni ormai sono passati, venti, cento, quante guerre hai visto nei televisori, quanti muri son crollati, eh, boy, ragazzo, quante bombe, quante torri, ascolta, ascoltami… quanti sono morti e quanti sono nati, quanti sono vivi, quanti?, ti ricordi, tu, dov’eri, tu morivi, tu, a Parigi…
CLAST – …
CLAM – Io ti ho visto, sai, che agonizzavi…
CLAST – …
CLAM – Ti accudivo, ti vendevo, io pensavo al tuo futuro…
CLAST – …
CLAM – Puoi cagarmi in bocca quanto vuoi tanto non serve…
CLAST – …
CLAM – Non si impasta, la mia bocca, parla…
CLAST – …
CLAM – … sempre…
CLAST – …
CLAM – Cos’è quello, un pugno chiuso?, ti capisco… cosa?, un braccio alzato?, mi fai tenerezza, amico… sei un iconoclasta, sei una merda, sei mio figlio, stronzo, tu sei nato solo per potere essere annientato, io ti ho ucciso, io ti uccido, sai, ragazzo, perché cazzo ti avrei messo al mondo?
CLAST – …
CLAM – Te l’ho detto, ah, sei pronto, tu non hai coraggio, tu non hai futuro… Sei soltanto un grumo, sbocchi e sbavi, guardati, testa di cazzo… Io ti compro e io ti vendo, questo è il punto… Io con te ci vivo, ci guadagno e, vaffanculo, qualche volta, anche ci perdo… Sai, nei numeri fa freddo, sai, ragazzo, è gelido, sicuro, dentro i numeri, nei calcoli, là c’è la misura piena e vuota, c’è la ruota, non si lacera un tessuto, non si strappa… non c’è più ferita, solo qui si vive senza la tua idiota e limitata esuberanza, non si soffre qui… qui si eiacula-consuma…
CLAST – …
CLAM – Sei contento ora?
CLAST – …
CLAM – Sei contento adesso che t’ho detto noi chi siamo?
CLAST – …
CLAM – Senza più mentire, più giocare?
CLAST – …
CLAM – Cosa stai facendo, amico, ascolta…
CLAST – …
CLAM – Cosa fai, non ci provare…
CLAST – …
CLAM – Lascia stare, Clast, lasciami stare…
CLAST – …
CLAM – Tantuo nuon puotruai fuarmi tuaciuere…
CLAST – …
CLAM – Fuermuo… Iuo suonuo tuo puadrue… Nuon mui puoui uestuirpuarue…
CLAST – …
CLAM – Suonuo il Rue dui Cuarta, nuon mui puoui annuie… ntua… rueeeee…

7.
(No Fun)

CLAST – Io, cazzo, no, non mi diverto, no, non mi diverto, no, non mi diverto, no, non mi diverto un caaazzo… Aaah, no, non mi diverto, no, non mi diverto, non mi diverto un caaazzo… Non mi diverto io, non mi diverto, non, io non mi piace, no, non mi diverto, io, a saperlo, no non mi diverto, no non mi diverto, io non lo voglio, no, io non, non mi diverto… Io, mi fa male, maaale, cazzo… Io porcodio, dio porco, non mi diverto, non mi diverto io a saperlo, no, non mi diverto… cazzo… io sì, lo vedo, vedo, cazzo, ma non mi diverto, io, io, non mi piace tutto questo, non lo voglio, non, io, cazzo… non mi diverto, io, a saperlo, non mi diverto io, non mi diverto io… ti ucciiido…

8.
(Dammi un bacio)

CLAST – Cos’hai?
CLAD – Niente, perché?
CLAST – E perché sanguini?
CLAD – Che cosa?
CLAST – Quel buco… sanguina…
CLAD – Solletico, sì, è vero…
CLAST – Ci sei ancora?
CLAD – …
CLAST – Ci sei ancora?
CLAD – Mi baci, Clast, mi baci?
CLAST – Ci sei ancora, vedi, allora…
CLAD – Baciami ora.
CLAST – Lo sapevo, sai, io lo sapevo…
CLAD – Baciami, dai, baciami…
CLAST – Vai a fare in culo, troia, crepa!

CLAD – Mi baci, allora?

CLAST – Perché non sei di gesso, Nani-Nun, dov’è mia madre?
CLAD – Mi baci, dai, una leccatina…
CLAST – Ma vaffanculo, troia…
CLAD – Dai, allora, una seghina, cosa aspetti… spara…
CLAST – Non sei cambiata, Nani-Nun, la zoccola che eri sei rimasta…
CLAD – Seghina, sei d’accordo, allora?
CLAST – …
CLAD – … Mmm, sì, così, dai, spara…
CLAST – …
CLAD – Mmm, sì, così, vienimi in gola, allora…
CLAST – …
CLAD – Uh… Mmm-mmm mmm… uuuh…
CLAST – …
CLAD – Ancora, ancora…

9.
(La Lauda del Giudice Istruttore)

CLAM – Lei ha detto che la notte prima avevate bevuto…
CLAST – … cooosa?
CLAM – Nella deposizione rilasciata al commissariato, subito dopo la denuncia e il successivo riconoscimento del cadavere, lei ha confermato di aver trascorso la notte insieme alla vittima…
CLAST – Mmmfff…
CLAD – Tieni, tesoro, asciugati…
CLAM – Conferma quanto dichiarato agli inquirenti?
CLAST – …
CLAD – Bagnati, tieni… come ti senti?
CLAM – Lei conferma d’avere passato la notte insieme alla vittima?
CLAST – … Sei tu, Nuni-nun?
CLAD – Calmati, Clast, rispondi al giudice, adesso, fai un cenno…
CLAM – Conferma di avere consumato con la vittima sostanze stupefacenti?
CLAST – Ancora, di più, Nuni-nun, dammene ancora, ne voglio, ho bisogno, non vedi che tremo?
CLAD – Aspetta, asciugati adesso…
CLAM – Conferma di averlo fatto con il consenso della vittima?
CLAST – Perché non adesso, infilalo, ora…
CLAD – …
CLAM – Conferma di essere in possesso di un’arma da fuoco?
CLAST – Nuni-nun… dove sei?
CLAD – Non c’è più, non c’è, no, se n’è andata…
CLAM – Conferma di non essere in possesso di un regolare porto d’armi?
CLAST – Dov’è, mmm, dove è andata?
CLAD – Calmati, Clast, io ti abbraccio, io sono con te, sarò sempre con te…
CLAM – Il pubblico ministero afferma di avere le prove dell’omicidio.
CLAST – …
CLAD – Non me ne andrò, non ti lascio…
CLAST – Io non voglio…
CLAM – Cosa ha da dire a sua discolpa?
CLAST – Non voglio, io non voglio…
CLAM – Ritiene di essere stato in grado di intendere e di volere al momento dei fatti di cui stiamo argomentando?
CLAST – Vai viaaa, non ti voglio!
CLAD – Figlio…
CLAM – Lo dica senza più remore, senza resistere, lei conferma…?
CLAST – Non vi voglio, non voglio…
CLAD – Figlio di calore sanguinante, pena dura, figlio mio, mio amore, pena…
CLAM – Lo dica senza sottrarsi all’abbraccio, alla regola, senza paura, lo dica al suo giudice, all’amico, al dottore impresario, lo dica a suo padre, ecco, almeno, a lui, me lo canti, lo urli…
CLAST – …
CLAD – Figlio di clamore, cicatrice incomprensibile, figlio di ferite, stimmate…
CLAM – Confessa, ragazzo, checazzo, bisbigliamelo qui nell’orecchio, come on, in un sussurro, mi riconosci, vienimi incontro, ti aiuto…
CLAST – …
CLAD – Figlio mio, tu che togli i peccati del mondo…
CLAM – Fidati, ora, ragazzo, puoi farlo…
CLAST – …
CLAD – Figlio sconsolato, io t’ho fatto, io ti ho nominato…
CLAM – Fallo ora, adesso, subito, ci guardano, ora, sì, è il momento…
CLAD – Figlio mio sacro…
CLAM – Ora che ci fissano, ora che la terra e il cielo si concentrano…
CLAD – Figlio afflitto, cuore disperato, a redimerci tu sei venuto…
CLAM – Sai come si vende bene il sacro, fallo, non tirarti indietro, adesso…
CLAD – Figlio…

CLAST – …

10.
(Dammi un bacio – di nuovo)

CLAST – Bisogna essere sufficientemente estranei per amarsi, ti ricordi?
CLAD – Sì.
CLAST – Bisogna essere degli sconosciuti ti dicevo, eh, ti ricordi?
CLAD – Sì.
CLAST – Io lo sono stato, Nuni-Nun.
CLAD – Sì, lo so, dai, ancora…
CLAST – Io l’ho fatto.
CLAD – Lo so, vieni, dammi un bacio, dai, vienimi in bocca.
CLAST – Io ti amavo.
CLAD – Lo so, vieni, sborrami, dai, in faccia.
CLAST – Come potevo io…?
CLAD – Che cosa?
CLAST – Come potevo io non farlo?
CLAD – Non importa, ormai è passato, guarda, sanguina…
CLAST – L’avevi visto tu il mio sguardo da bambino.
CLAD – Sì.
CLAST – Te la ricordi, eh, la foto, io sul passeggino…
CLAD – Mm-mm… sapevi tutto…
CLAST – Sì, cazzo, tu m’hai riconosciuto.
CLAD – Sembrava che sapevi tutta la tua vita senza averla ancora incominciata…
CLAST – Mmm-mmm…
CLAD – Mmm-mmm.
CLAST – Io non potevo esserti estraneo.
CLAD – Mm.
CLAST – Io t’ho amato.
CLAD – Sì.
CLAST – Quando stavamo insieme, ti ricordi?, io pensavo…

CLAD – Cosa?
CLAST – Ti abbracciavo, sai, di notte, ti inglobavo.
CLAD – Sì, mi ricordo.
CLAST – E pensavo… che quello mi bastava, che era tutto… e che anche dopo…
CLAD – …?

CLAD – Cosa dopo, cosa…?
CLAST – Che da morto, sai, era un pensiero, non te lo dicevo ma io lo pensavo…
CLAD – …
CLAST – Io mi chiedevo, sai, mi domandavo se mai c’era un modo…
CLAD – …
CLAST – … per restare uniti, non dividerci, mai mai mai mai mai, davvero.
CLAD – Lo so, io lo sentivo.
CLAST – E’ per quello, sai, che poi l’ho fatto… solo per quello è stato…
CLAD – Lo so…
CLAST – Per quello che poi ti ho lasciato…
CLAD – Lo so.
CLAST – Per quello, sai…
CLAD – …
CLAST – Ti ho ucciso.

CLAD – Dammi un bacio.

CLAST – E lo rifaccio, ora, qui, di nuovo, ancora, adesso…

11.
(Vedo mio padre)

– The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later…

CLAST – Vedo mio padre, giovane e forte, entrare dalla porta…
CLAM – Non sono io, ragazzo, ma se vuoi ci sono…
CLAST – Vedo la tuta da operaio, la sua pelle impolverata…
CLAM – Cosa hai fatto, hai fatto il bravo, come sta la mamma?
CLAST – I suoi capelli sono bianchi dalla fabbrica…
CLAM – … E com’è andata a scuola?
CLAST – Vedo che entra e so che non lo voglio, io non voglio la sua vita.
CLAM – Finiti i compiti, dov’è tua mamma, e tua sorella?
CLAST – Che il posto più anormale, quello più insano, è quello il posto dove lui è rinchiuso, e non lo voglio, non lo voglio…
CLAM – …
CLAST – Ha scoreggiato e ho riso… rido sempre, io, quando scoreggia, il mio Re di Carta, lo fa apposta…
CLAM – …
CLAST – Lo guardo, io, quando ritorna, io, a sei anni, sbalordito, che lo uccido…
CLAM – …
CLAST – E so che l’ho pensato, che non ho avuto mai il coraggio, io, di farlo…
CLAM – …
CLAST – Ed è per questo che io non avevo, che non ho futuro…
CLAM – …
CLAST – E… per questo è stato… è per questo che ero morto…
CLAM – …

– The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later…

12.
(La Madre Eroina)

CLAD – Ma che stronzate aaate, ma quale uccidere e futuro, bagai, tipo, mateto!, io t’ho scagazzato perché conquistassi el mundo!
CLAST – Mà, io vado…
CLAD – Ma dove vai, dov’è che vai, stai fermo!
CLAST – Non rompermi i coglioni adesso…
CLAD – Vieni qui, ti aggiusto io quel coso…
CLAST – Vaffanculo…
CLAD – Mi fai soffrire, dio buonino, angusto anfratto addolorato, guarda il cuore infranto di tua madre, guarda cos’hai fatto, mi uccidi, scellerato, guarda il cuore addolorato di tua madre, l’hai trafitto!
CLAST – Ulo ma ulo…
CLAD – Mi farai morire, oh, sì, lo sento, non andare, figlio mio, bambino caro…
CLAST – Mamma, e numme scassà a minghia, dai, mi aspettano…
CLAD – Non lasciarmi, non adesso, non lo fare, sai, ragazzo…
CLAST – Uffa… e menghia.
CLAD – Ma cosa ti sei messo in testa…?
CLAST – …
CLAD – Tutte quelle troie alla stazione, l’ho capito…
CLAST – Ma quali troie?
CLAST – Ma per chi mi hai preso, mi fai deficiente incontinente scema?
CLAST – …?
CLAD – Io lo so che sono loro, le ragazze, che ti traviano, sono tutte troie, bello, guardati alle spalle, sai, ricordatelo…
CLAST – Ok, ho capito.
CLAD – Non andare, non andare, vieni qui fra le mie braccia, tieni…
CLAST – Cosa?
CLAST – Tieni.
CLAST – Cazzo stai facendo, mamma, cos’è quella roba?
CLAD – Non ti piace?
CLAST – No, dai, mamma.
CLAD – Vieni qui, dai, aspetta, l’infiliamo?
CLAST – No.
CLAST – Dai, c’è già il buchino, dammi il braccio, guarda…
CLAST – Nooo!
CLAD – Almeno, prova, è buona, è la tua preferita…
CLAST – La conosco, cazzo, la tua roba, me l’hai sempre data, basta!
CLAD – Senti qua che roba, dai, respira, inspira…
CLAST – Mà…
CLAD – Ssst, dai, respira…
CLAST – Mamma…
CLAD – Nc nc nc…
CLAST – Desiderabile, troissima, bastarda…
CLAD – Nc nc nc…
CLAST – Ti conosco, madre, il tuo assoluto, la tua presa…
CLAD – Fai le nanne qui fra le mie braccia, dormi, caro, su, respira…
CLAST – La tua singola ferita singolare impressa nel simpatico, nella mia pena.
CLAD – Dormi dormi, bel bambin…
CLAST – L’assoluto tuo calore, il tuo abbraccio, il bacio, assenza di dolore…
CLAD – Dio divin, dio divin…
CLAST – Senza pena, senza urla, spazio bianco, che mi accoglie…
CLAD – Dormi dormi, mio bambin…
CLAST – Assoluto infinitesimale, unghia, guscio in cui potere stare… in cui non c’è dolore, niente sangue, guerre, pene, spazio, ventre altissimo, di aria, universale, grande e piccolo, in cui rimanere…
CLAD – Dio divin…
CLAST – E’ da lì che voglio uscire, lì che voglio andare, dio e… madre…

13.
(Psssss…)

CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – …

CLAD – Mamma mia, che pipì luuunga…

CLAM – Yes, vero, ah, I see…

CLAST – Sono emozionato, sì…

14.
(Vedo mia madre)

CLAST – Vedo mia madre che mi dice, mi racconta, era…
CLAD – Tu non devi pensare a queste cose…
CLAST – Era dolce, era sola, piangeva, lei era la cosa più cara…
CLAD – Tu non devi mai fidarti, mai degli altri, non fidarti…
CLAST – Si sedeva, il pomeriggio, o d’estate, fuori, anche di sera, si metteva lì e coi ferri, i suoi gomitoli, lavorava a maglia la sua lana …
CLAD – Sono sempre pronti, sai, a tradirti, pronti ad incularti…
CLAST – Io bambino, che ascoltavo, io giocavo, quanto avrà sofferto, io pensavo.
CLAD – Ne ho passate io di cose, sai, di cotte e crude, io ne ho viste…
CLAST – Da piccola prima e, dopo, da grande, se è questa la vita, dicevo…
CLAD – Te lo dico, lo sai, perché impari a difenderti …
CLAST – Raccontava, ogni tanto piangeva, beveva…
CLAD – Non voglio che fai la mia vita…
CLAST – Il caldo saliva da qui, dalla pancia, quando lei mi parlava…
CLAD – Non voglio che incontri la colpa, lo sai, la bugia, la menzogna…
CLAST – E ogni volta volevo andarle vicino, baciarla…
CLAD – Non voglio che mai tu conosca l’insulto, la pena…
CLAST – Io volevo toccarla, sentire il respiro sulla mia bocca…
CLAD – Prendi esempio, tu, prendimi, ascolta…
CLAST – Abbracciarla…
CLAD – Le mie braccia, il mio seno, tu almeno non puoi rifiutare, non puoi, non vorrai fare a meno di quel che ti dico…
CLAST – Volevo starle vicino…
CLAD – Così, vieni qui, più vicino…
CLAST – Entrarle più dentro…
CLAD – Hai fame, hai mangiato, hai sete, hai bevuto, hai fatto la cacca, eh, oggi, mio bel panzerotto…
CLAST – Più a fondo…
CLAD – Ti sento, mmm, ti sento…
CLAST – Guarirla dal tempo…
CLAD – Lo sai, mio ragazzo, lo sai che… sei bravo…
CLAST – Guarire il dolore, il passato…
CLAD – Lo sapevo, l’ho sempre saputo…
CLAST – Cucire lo squarcio, vederlo e poi entrarci, leccarlo, pulirlo, disinfettarlo, una volta per tutte… rimarginarlo…
CLAD – Io ti amo…
CLAST – Io ti amo…
CLAD – Non pensarci, ragazzo…
CLAST – …
CLAD – Ferma il pensiero…
CLAST – …
CLAD – Non… ah… devi…
CLAST – …
CLAD – Non… ah… farlo…
CLAST – …
CLAD – Non… ah… più, non adesso…

15.
(Stop the Pigeon)

CLAM – Ah-ah… Tu non devi… Non… ah… tu non farlo…
CLAD – Stronzo di uno stronzo, dammela…
CLAST – Vieni a prendertela, alzati dal letto, troia…
CLAM – Lui e la figa, camere d’albergo, bassifondi e figa a iosa…
CLAD – Dammi la siringa!
CLAST – Ma vaffanculo, stronza!
CLAM – Quella scena… sempre quella, ripetuta…
CLAD – Sei un bastardo…
CLAST – Già sentita, Nuni-Nun, più fantasia…
CLAM – Andare io a bussare, io a chiamare…
CLAD – Sei solo un merdosissimo merdoso, tu, ecco che cosa…
CLAST – Mmm-mmm…
CLAM – La regola obbedienza, la costanza, il contenimento, la cornice, io, il suo manager… io, il suo presidente…
CLAST – Io ti amo, Nuni-Nun, noi ci amiamo, perché mi dai addosso?
CLAD – Fottutissimo bastardo, cazzo…
CLAM – Cliché conosciuto, squallido…
CLAST – Dai, mi canti, oh, mi canti… cazzo, come fa la sigla di quel fottutissimo cartone, dai, ricantami quella canzone …
CLAD – Vaffanculo…
CLAM – Io, suo padre, amico agente, il suo impresario presidente…
CLAST – Eeehi, l’hai visto?
CLAD – Cosa?
CLAST – Alla finestra, cazzo, c’è qualcuno…
CLAD – Tu sei fatto, ecco cosa… cazzo dici che non c’è nessuno?
CLAST – No, davvero… guarda, hai visto il taglio, quello sbrego lì sul muro…
CLAM – Sempre lì in segreto, a bisbigliare inascoltato…
CLAD – Quale sbrego, dai non far lo scemo…
CLAST – Questo, guarda… dietro c’è un altro palazzo…
CLAD – Scendi da quel letto, vieni giù da lì, dai, scendi, cazzo…
CLAM – Io a bussare, regola, preciso, io, ogni volta, a sorvegliare, io che corro, lo rincorro, io da dietro, dentro, inascoltato…
CLAST – Sai che cosa ho visto?
CLAD – Scendi ho detto!
CLAST – Sai cosa c’è dietro, cazzo?!
CLAD – Non toccarmi, toglimi le mani di dosso!
CLAST – Sai chi c’era lì, un mio amico…
CLAD – Ah, sì, e che amico?
CLAST – Uno che non vedo più da quando ero piccolo.
CLAD – Tira via le mani, spostati…
CLAM – Io a vedere, a dire…
CLAST – E sai cosa m’ha detto?
CLAD – Cosa?
CLAST – Quando mi ha riconosciuto… Ciao, mi ha detto…
CLAD – …
CLAM – Ad ascoltare senza mai potere davvero intervenire…
CLAST – Come stai?, gli ho fatto.
CLAD – …
CLAST – E lui: Eh, cazzo, sto morendo.
CLAD – …
CLAST – Cazzo dici, io gli faccio.
CLAD – …
CLAM – Senza mai potere mai davvero…
CLAST – Sto morendo, sì, c’ho il male, dice…
CLAD – …
CLAST – Ma che male, io gli faccio, perché dici… cosa…?
CLAM – Mai potere fare niente, non poterlo fare…
CLAST – Sì, davvero, cazzo, ce l’ho dentro, sai, quel male, il male, cazzo, quello stronzo, mi sta divorando, sto morendo, offrimi una birra, cazzo.
CLAD – Tieni giù le mani, vaffanculo!
CLAST – Cantami quella canzone, dai, ti prego, cazzo…

16.
(Così è andata)

CLAST – Così è andata… la mia amica… si è vestita, sai, tutta da figa, era bella, era, cazzo, uno schianto, prima che io me ne andassi… lei era…
CLAD – …
CLAM – Uh… Sono il testimone a tua discolpa…
CLAST – Nuni-Nun s’era vestita da strafiga…
CLAD – …
CLAM – Non puoi più nascondermi, devi vedermi, ascolta…
CLAST – Lei, eh, era bella, mi ricordo, io quel giorno…
CLAD – …
CLAM – E’ da me che devi venire, ascolta, se vuoi avere salva la vita…
CLAST – Non lo so chi ero, non so più io di chi parlo, io, non ero ancora allora…
CLAM – Chi ti ha dato un nome, dimmelo…
CLAST – Lei quel giorno… ha preso, si è vestita da strafiga, Nuni-Nun era una troia, era… Tu non ne hai un’idea, era una dea…
CLAD – …
CLAM – Tu lo sai, non puoi tu non saperlo, vieni…
CLAST – A un certo punto ha preso, è scesa, è andata dritta giù in quel cazzo di ufficio-magazzino e lì ha bussato, è entrata e…
CLAD – …
CLAM – Io ti ho generato, io ti ho guidato, io ti ho fatto e ti distruggo…
CLAST – Era in quel cazzo, eh, di pompe funebri, oh…
CLAD – …
CLAM – Sono il testimone a tua discolpa, io…
CLAST – E’ entrata sotto l’arco, oh, non c’era un cazzo di nessuno …
CLAD – …
CLAST – Io non so cos’è che aveva in testa, c’era lì una cassa… e, cazzo, non c’è entrata? – l’ha provata, eh, era della misura giusta, fa, cazzo, oh, c’è entrata dentro, l’ha provata, e poi se ne vantava, porcodio, la troia, ecco perché io l’ho amata, l’ho sempre amata, io l’amavo, cazzo, Nani-Nun… la mia ragazza…
CLAD – … Ah…
CLAST – Ti ho amata…
CLAD – Ah!
CLAST – Ti amo, tu sei la mia donna!

17.
(Son tutte belle le mamme del mondo)

CLAST – Mamma son tanto feliceee…
CLAD – Mio figlio non è come lo dipingono…
CLAST – Io sto tornando da teee…
CLAD – Mio figlio è sempre stato un bravo ragazzo, sono gli altri, sono loro che non hanno capito…
CLAST – Mamma il mio cuore mi diccceee…
CLAD – Loro, i professori, i suoi insegnanti, lei non sa cosa non ho dovuto fare…
CLAST – Soffro lontano da teee…
CLAD – Sono stata fino dal cardinale per dirgli di riammetterlo alle scuole…
CLAST – Mamma son tanto fffeliccceee…
CLAD – E alla fine mi han dato ragione…
CLAST – Di rimanere con ttteeeeeeeeeeeee…
CLAD – Cazzo, se avevo ragione, anche il vescovo, sa, si è voluto scusare, mi ha baciato la mano…
CLAST – Mammaaaaa… solo per te la mia canzone vooolaaa…
CLAD – E’ tanto timido, caro… è così insicuro…
CLAST – Mammaaaaa… qui tu con me tu non saraaai più sooola!
CLAD – Tanto, tanto insicuro, per colpa loro, gli danno addosso…
CLAST – Mammaaaaa… quanto ti voooglio beneee…
CLAD – Io lo conosco, io l’ho nutrito, io gli ho insegnato…
CLAST – Queste parole d’amoooreee!
CLAD – Tutti i sacrifici che ho fatto, io so quanto mio figlio ha sofferto…
CLAST – Che mi devastano il cuoooreee!
CLAD – Sono loro, loro che non lo capiscono…
CLAST – Sono il mio amore, mio amore, mio amore, mio amore, per teee!
CLAD – …
CLAST – Mammmaaa!

CLAST – …
CLAD – …
CLAM – …

Son tutte belle le mamme del mondo…

CLAM – E alla fine ti ho portato in America, ah?
CLAD – …
CLAST – Ancora una, una sola, dai, dammela, mà…

Son tutte belle le mamme del mondo…

CLAM – …
CLAST – Tirala fuori, una sola, una volta, ti supplico, mà…
CLAD – …

Son tutte belle le mamme del mondo…

CLAM – Anche per questo noi ce le inculiamo…
CLAST – Ma cosa ti costa, una volta, una, una sola…
CLAD – Sssh… mmm… Ah…

Son tutte belle le mamme del mondo…

CLAM – Ah-ah-ah…
CLAST – Mmmfff… sssh… oooh…
CLAD – Da… mmm… dammelo, dammelo, dai…

Son tutte belle le mamme del mondo…

CLAM – Ah-ah-ah, che cos’era, una festa… sssh… mmm, ah… era un’orgia, eri stupido, era una stupida… ah…
CLAD – Dammi il braccio, dammelo, Clast!
CLAST – …

Son tutte belle le mamme del mondo…

CLAM – Un idiota, you idiot, you bastard, è finita così la tua vita…
CLAD – Stringi il pugno…
CLAST – …

Son tutte belle le mamme del mondo…

CLAM – Ma che mamma bastarda, che padre sicuro, io non c’ero, non c’ero…
CLAST – …
CLAD – Tu riposati adesso…

Son tutte belle le mamme del mondo…

CLAM – Ehi, ragazzo… ragazzo…
CLAST – …
CLAD – …

CLAM – Ehi, rispondi, l’hai visto, ehi, cosa vedi?
CLAST – …
CLAD – …

CLAM – Rispondi, ragazzo, dai, fatti coraggio, dimmi quello che vedi…
CLAST – …
CLAD – …

CLAM – Dai, dimmelo adesso, quello che vedi oltre il mondo, che cosa cercavi…
CLAST – …
CLAD – …

CLAM – Rispondi, dai, dimmelo adesso… io lo vendo… io e te ci faremo, sai, un sacco di soldi…
CLAST – …

Son tutte belle le mamme del mondo…

CLAD – Ecco, sì, figlio mio, sì, così, ora, ascoltami… dormi…

18.
(Il mio Re di carta – I’m Back)

CLAST – Erosono qui seduto, il corpo ancora caldo… Erosono qui e lo vedo, il mio Re di carta… alto, altissimo… mi passa accanto… lui, mio padre, ho paura che non mi riconosca, che mi venga incontro e non si fermi, vada altrove… Alto, altissimo, sul suo cavallo, che mi passi accanto… Erosono qui, già andato, erosono ritornato, il mio Re di carta, lui mi viene incontro, alto, altissimo, leggero, il vento che lo scuote, ondula piano… Ho un cappello altissimo, con le frange, altissimo e di cuoio…

Chi l’ha detto che qui io non posso dire, chi lo dice che non puoi cantare…

Chi l’ha detto che qui io non posso bestemmiare…

Chi l’ha detto che qui io non posso anche pisciare…

… non… sparare… non… sborrare… non…

Chi l’ha de… chi l’ha de… chi l’ha de…

Chi l’ha detto che non posso farlo…

Chi l’ha detto che… chi l’ha detto, eh, chi…

Guardami, guardami, sì…

Guardami, girati, sì…

Vuoi una storia vera perché non ne hai una…

Vuoi il mio sangue vero perché sei un vampiro…

Vuoi vederlo scorrere per sentirti ancora vivo…

Vuoi quel tè alla pesca e al cactus per venire via dal mondo…

Vuoi il gelato, ma salato, perché non sopporti più il reale…

Tu non sei più un uomo, sei un bambino…

Al mio sangue, qui, invisibile, concreto, non vuoi credere perché hai paura… Tu ti caghi addosso… Tu non vuoi saperlo… non lo vuoi perché ti costa… Non vuoi vivere la vita… Guarda cosa ho fatto io al mio Re di carta. Nel mio sogno, io, l’ho ucciso, questo sì, ti annienta. Questo, bimbo, vecchio bimbo rinco idiota, certo, è questo che ti annienta…

Non sapere bene che cos’è reale e cosa si può triturare…

Non sapere più che cosa farne del tuo corpo, del tuo sogno, non sapere a cosa serve. Non sapere dove erosono andato, io da dove sono ritornato… io, rinato… ato…

Guardami, guardami, sì…

Girati, guardami, sì…

Hai anche tu il tuo Re di carta, non far finta…

Guarda come viene avanti, incede, e non ti guarda…

Guarda cosa fa il tuo Re di carta, guarda…

Guardalo negli occhi, lì c’è tutta la tua vita…

19.
(Mentre vi soffoco vedo)

CLAM – Ah…
CLAST – …
CLAD – Cla…

CLAM – Mmmfff… ehi, ouuh!
CLAST – …
CLAD – Ma, ra…!

CLAM – Ough!
CLAST – …
CLAD – Oughaaahmmfff!

CLAST – Mentre vi soffoco – mmfff – vedo il motivo… per cui sono andato…
CLAM – Ummff…
CLAD – Ahmmff…
CLAST – Vedo il motivo per cui sono andato, per cui sono morto…
CLAM – Ah…
CLAD – Uhmmfff…
CLAST – Perché non potevo non farlo, vedo dov’ero, e lo vedo, preciso…
CLAD – Uh…
CLAM – Llluhee…
CLAST – Mentre vi annego lo vedo…
CLAD – Ssssssh…
CLAM – Llllluheee…
CLAST – Cos’ero, chi ero, perché sono tornato, perché ho resistito…
CLAM – Uheee…
CLAD – Ssslllhueee…
CLAST – Che cosa ho distrutto, cosa ho lasciato di intatto…
CLAM – Uha…
CLAST – Mmmfffhuaaa…
CLAST – Che cosa ho cantato e ho suonato, le vene, il mio sangue e il pulsare, il mio stesso respiro…
CLAM – CLAD – Lllhuuuhaaa…
CLAST – L’anticristo, l’anarchico, strutto, distrutto, cazzo del cazzo, l’illuso, ha pagato, immolato, lui è sceso…
CLAM – CLAD – Uhaaa!
CLAST – E’ caduto nell’era in cui era dovuto, lui è sceso, si è sacrificato…
CLAM – CLAD – Mmmfff…
CLAST – Lo vedo, io vedo il demente, l’idiota che ero, l’ho visto vedendo il dopo che è stato, tutto il dopo del mondo, il dopo di quando io sono tornato, London Derry, Jerusalem, Gaza, Somalia, il Kossovo, Bosnia, Slovenia, la ex Jugoslavia… Perestroika, la glasnost e l’impero, la Russia, l’Unione Sovietica, Romania, la Repubblica Ceca e Slovacca, Solidarnosc del Papa, le navi dei morti viventi, affamati, affondati, annegati, clandestini, dimenticati, Aids, no nuke e qui dentro, qui, dentro, scaffali di supermercati, di codici a barre stampati sui geni, sopra i tuoi cromosomi.
CLAM – Ffff…
CLAD – Fffflllah…

CLAST – A vent’anni, morire di pere… Tu non sai cos’ho visto io dentro la sfida, l’assurda demenza. Cosa vi ho fatto vedere, voi non lo sapete…
CLAM – Mmmfff…
CLAD – Aaahmmmfff…

CLAST – E’ per questo che sono tornato… per dirvelo, io, per saperlo, che cosa è successo…
CLAM – CLAD – Cla… Mmfff… Fff… fff… last!
CLAST – Mentre vi uccido io conosco!

20
(Ora di dirlo)
God save the queen

CLAST – Lo vedi, io ci cago sul mio Re di carta, io lo trasformo…

Her fascist regime

CLAST – Io ci cago sul vostro Primo Ministro, lo uccido…

It made you a moron

CLAST – Io qui dentro, qui e adesso, ci faccio quello che voglio…

A potential H bomb!

CLAST – Io distinguo, io non confondo…

God save the queen

CLAST – Non mi impressiono io del suo sangue, della sua bava qui dentro…

She ain’t no human being

CLAST – Lui non ha niente d’umano…

There is no future in England’s dream

CLAST – Non m’impressiono di una madre che uccide suo figlio…

Don’t be told what you want

CLAST – Per dire che al mondo c’è sempre un pazzo…

Don’t be told what you need

CLAST – No, non sto zitto davanti al quotidiano assassinio venduto per, cazzo, benessere, anzi, progresso…

There’s no future

CLAST – Non c’è un cazzo di futuro nei suoi sogni…

No future no future for you!

CLAST – E’ soltanto un cazzo di Presidente del Consiglio, un Re di carta, cazzo.

Lui è il fascista, lui il pazzo.

Perché aver paura se c’è un posto…

… dove puoi annientarlo?

21
(Epilogo)

CLAST – Bisogna essere sufficientemente estranei per volersi un po’ di bene.
CLAM – L’hai già detto, ti ricordi?
CLAST – Anche con se stessi, anche da soli…
CLAD – Anche da soli?
CLAST – Bisogna un po’ dimenticarsi per volersi bene.
CLAD – Cosa vuoi dire?
CLAST – E tu ti sai dimenticare?
CLAM – Cosa vuol dire?
CLAST – C’è una posizione per lasciare andare ciò che eri, chi sfidavi…
CLAD – …
CLAM – …
CLAST – Ci sono come dei momenti per capire e dire certe cose…

C’è una posizione per non farti più bruciare dal tuo sole…

Lui che dorme…

CLAM – L’hai detto bene?

CLAD – L’abbiamo detto bene?

CLAST – Non posso giudicare, non si può sapere…

Lasci ai suoi sogni le bestemmie che urgono per vivere…

O a un’altra vita, forse.

– The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled is not available at the moment, please, try again later… / The number you have dialled…

My Way

[***]

Produzione, news, rassegna stampa e altre info.

© 2004, Admin. All rights reserved.