«Contare storie 2005» a Grottaglie

30.06.05
La Gazzetta del Mezzogiorno
«Contare storie 2005» a Grottaglie

Nel centro tarantino, dal 10 al 21 agosto, dieci giorni di lezioni, workshop, laboratori, eventi di teatro, scrittura, cinema e danza nel Convento del Monicello. Un’iniziativa del laboratorio «Mohole» con l’ associazione culturale «Impro»

organizzato «Contare storie 2005», dieci giorni di lezioni, workshop, laboratori, eventi che si svolgeranno a Grottaglie, dal 10 al 21 agosto.
L’iniziativa, che si svolgerà nel Convento del Monicello – informa un comunicato degli organizzatori – ha avuto il patrocinio della Regione Puglia. Il programma prevede che ogni partecipante possa scegliere tra stage di teatro, scrittura, cinema e danza tenuti da docenti qualificati.
Gli stage di scrittura – precisa il comunicato – si articolano in uno stage di scrittura comica tenuto dal drammaturgo Cosimo Lupo, e un altro «Come saper parlare della propria scrittura», riconoscendo e im pa ran-do ad usare i modi e le competenze uniche e personali di leggere e scrivere tenuto dall’associazione culturale Bartleby Factory dello scrittore Gianpaolo Spinato. Di poesia si occuperà il poeta torinese Tiziano Fratus che terrà un corso dal titolo “Fuori Forma” con cui tenterà di chiarire alcuni segreti della scrittura contemporanea, esercitandosi nella lettura, nell’analisi e nella scrittura di testi. Riccardo Mini, drammaturgo milanese, spiegherà invece ai suoi allievi “Come si raccontano storie a teatro” osservando come un testo narrativo diventi scenico.
Per quanto riguarda l’ambito teatrale le opportunità offerte dall’associazione culturale Mohole spaziano dalla clownerie con uno stage dal nome “Tonì” tenuto da Riccardo Garelli, direttore di Imprò di Torino a “Maschere in faccia e faccia in maschera” uno stage sulla commedia dell’Arte per chiarire i processi che fondano la comicità toccando innanzitutto l’area creativa e i personaggi della Commedia dell’Arte. Questo stage è tenuto dall’attore Massimo Malucelli grande conoscitore della commedia dell’arte e professore universitario. “Non abbiamo niente, possiamo fare tutto” è il motto degli improvvisAttori di Andy Ferrari direttore di TeatriBù e insegnante di improvvisazione presso Imprò di Milano, che terrà il corso sull’improvvisazione teatrale. Maddalena Trani, infine, proporrà un training sul lavoro dell’attore dal titolo “Romeo e Giulietta”.
La sezione dedicata alla cinematografia prevede un unico stage tenuto dal docente e produttore video Vito Longo, con lo scopo di realizzare un cortometraggio o un breve documentario.
“Il cinema smontato” è il tema di questa sezione che analizzerà dall’interno il mondo cinematografico, dalla stesura della sceneggiatura fino al montaggio.
Modellare il corpo, il volto e le sue espressioni di base, l(apprendimento del ritmo, dei passi fondamentali, la Mudra (alfabeto delle mani), sono gli elementi base di una delle ultime sezioni del programma dedicata al teatro danza Orissi di origine Indiana tenuto dall’attrice Rosalba Genovese.
Nel programma non poteva mancare, infine, “Il morso del Salento”: un’ iniziativa per far conoscere l’arte e la cultura della pizzica con uno stage tenuto da Laura Danieli, studiosa delle tradizioni salentine.
Una volta terminati gli stage, verranno presentate al pubblico le letture sceniche del lavoro svolto.

© 2004 – 2013, Admin. All rights reserved.